home
Il Mondo degli Schützen
die Schützenwelt
Tabella indice
anno 2022
                                   <- Bildergalerie / Galleria foto raccolta foto
Data, luogo, evento Google foto Flickr anteprima
2022_04_15 Alpenregionstreffen. Giornata principale con la celebrazione della Santa Messa da parte del Vescovo di Bolzano e Bressanone Ivo Muser. Discorsi di saluti da parte dei Presidenti Arno Kompatscher (Südtirol), Günther Platter (Tirol), Maurizio Fugatti (Trentino) sowie die bayerische Staatsministerin Michaela Kaniber e del Landeskommandant des Bundes der Tiroler Schützenkompanien Thomas Saurer. Consegna della Maximiliankreuz des Bundes der Tiroler Schützenkompanien- a Elmar Thaler, Stephan Zangerl, Hermann Egger und Gerhard Biller. Grande corteo per il centro del paese.
Rai3
foto / Bilder foto / Bilder
2022_05_14 Alpenregionstreffen. A san Martin in Passeiertal, dopo due anni di attesa, si è potuta inaugurare la 26esima edizione dell'Alpenregionstreffen. Consegna della bandiera da parte della SK Mayrhofen alla SK San Martin. Discorso di inaugurazione tenuto da Eva klotz.
Giornali   -   Adige   Dolomiten 1 - 2
foto / Bilder foto / Bilder
2022_05_08 Aschau in Chiemgau. Patronatstag der Bayerischen Gebirgschuetzen.
YouTube   -   video
foto / Bilder foto / Bilder
2022_05_04 Castello del Buonconsiglio. Approfittando della convenzione stipulata fra la Federazione Schuetzen del Welschtirol e l'amministrazione del castello del Buonconsiglio ho visitato il castello più bello di Trento. Il Castello del Buonconsiglio è il più vasto e importante complesso monumentale della regione Trentino SudTirol. Dal secolo XIII fino alla fine del XVIII residenza dei principi vescovi di Trento, è composto da una serie di edifici di epoca diversa, racchiusi entro una cinta di mura in una posizione leggermente elevata rispetto alla città. Castelvecchio è il nucleo più antico, dominato da una possente torre cilindrica; il Magno Palazzo è l’ampliamento cinquecentesco nelle forme del Rinascimento italiano, voluto dal principe vescovo e cardinale Bernardo Cles (1485-1539); alla fine del Seicento risale invece la barocca Giunta Albertiana. All’estremità meridionale del complesso si trova Torre Aquila, che conserva all’interno il celebre Ciclo dei Mesi, uno dei più affascinanti cicli pittorici di tema profano del tardo Medioevo. Soprattutto per la presenza di vasti cicli di affreschi, di straordinario interesse è l’apparato decorativo interno, realizzato dai vescovi in prevalenza nel periodo tardo-medioevale e in quello rinascimentale. Dopo la fine del principato vescovile (1803) il castello venne adibito a caserma; restaurato, nel 1924 divenne sede del Museo Nazionale e dal 1973 appartiene alla Provincia autonoma di Trento. foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_30 Mori. Sulle tracce di Andreas Hofer, la battaglia di Mori. Installazione e scopertura della tabella inserita nel progetto Euroregionale "1809 i luoghi della memoria, Andreas Hofer era qui". Evento promosso dalla SK Destra Ades con la collaborazione della SK Roveredo. Presenti rappresentanze della SK Vallarsa Trambileno, SK Arco, SK Pergine Caldonazzo. All'evento erano presenti il Presidente della P.A.T ed Euregio Maurizio Fugatti, il Presidente del Consiglio provincia della P.A.T. Walter Kaswalder, il consigliere regionale Lorenzo Ossanna, l'onorevole Vanessa Cattoi, il sindaco di Mori Stefano Bagozzi, l'assessore alla cultura di Mori Filippo Mura, il presidente della Fondazione museo storico del Trentino Giuseppe Ferrandi, il sindaco di Fiave Nicoletta Aloisi e Francesca Aprone consigliere presso il comune di Ala. Hanno accompagnato l'evento le note musicali della Musikapelle del Kaiser. A seguire serata informative per il pubblico sul tema Andreas Hofer ed i fatti di Mori del 24 aprile 1809 con l'intervento dell'assessore Filippo Mura, Giuseppe Ferrandi e del Ldkt WTSB Enzo Cestari.
YouTube   -   video
Comunicato stampa P.A.T   -   Adige   -   Unsertirol24
foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_30 Eppan. Tiroler Jungschuetzenschiessen in Eppan foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_30 Borgo Valsugana. Inaugurazione mostra “Per non dimenticare” di Silvia Battisti, un viaggio con opere in riferimento alla Prima e Seconda Guerra Mondiale. Un’occasione per ricordare l’infinita follia di tutte le guerre e per rendere omaggio ai caduti.
La mostra è ospitata nelle sale dello Spazio Klien nel municipio di Borgo Valsugana e si svolgerà dal 27 aprile 2022 al 21 maggio 2022 con ingresso libero. La parte dedicata alla seconda guerra mondiale intitolata "lettere dal fronte" è composta da 18 quadri ispirati alla corrispondenza del padre dell'artista, Egidio Battisti, dal fronte di guerra balcanico 1942-43. L'altra parte della mostra è dedicata al ricordo della prima guerra mondiale.
foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_24 Innsbruck. Bund der Tiroler Schuetzenkompanien Bundesversammlung – Landesüblicher Empfang samt Marsch durch die Innsbrucker Altstadt. Unter motto „Jetzt geht’s wieder los“. foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_23 SK Konigsberg. In onore di San Giorgio primo patrono del Tirolo. Benedizione nella antica chiesa di San Giorgio a Mosana a seguire Santa Messa nella chiesa di Palù di Giovo. foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_22 Ca Cornaro. Presentazione del libro "Il risveglio del totem" di Max Unterrichter. Cambiamento climatico e diritti umani, viaggio tra le foreste, le genti e le follie del Canada Occidentale. La presentazione del libro è stata effettuato nella bellissima cornice di Villa ca Cornaro a Romano d'Ezzelino sede dell'associazione Rinnovamento nella tradizione, Croce Reale. foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_21 Lienz. Kommando Hochgebirgs-Jägerbataillon 24, Traditionstag in der Haspinger-Kaserne, Lienz foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_09 Brixen. Assemblea annuale Verband Tiroler Schuetzen con passaggio della presidenze della associazione da Enzo Cestari (WTSB) a Thomas Sauer (BTSK). Consegna Onorificenza Eduard Reut-Nicolussi Preis al sindaco di Lavis. foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_03 Trento. In occasione del centenario della morte dell'imperatore Carlo Primo d'Asburgo, avvenuta il 1 aprile 1922 a Madeira, La federazione degli Schuetzen del Welschtirol in collaborazione con la SK Kaiser Maximilian der Erste ha organizzato una Santa Messa nella chiesa di San Pietro a Trento. Erano presenti varie rappresentanze delle SK del Welschtirol. Hanno presenziato inoltre: Mirko BISESTI Assessore all’istruzione, università e cultura della P.A.T, Michael Moser assessore alla cultura del Comune di Giovo. Per il SSB era presente il Bezirksmajor - Bezirk Brixen Mjr. Florian Lechner. Ha accompagnato la Santa Messa la banda civica di Borgo. Nell'occasione è stato letta la riflessione del prof. Maurizio Dossena delegato della Gebetsliga per l’Emilia-Romagna
YouTube   -   MK Borgo / Ich hatt' einen Kameraden / Kaiser Hymne
Giornali   -   Dolomiten
foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_02 Kaiserschützenbundes TIROL 1921. Gedenkmesse anlässlich des 100. Todestages des seligen Kaiser Karl von ÖSTERREICH in der Kirche des ehemaligen Jagdschlosses von Kaiser Maximilian I in Martinsbühel in ZIRL. A seguire la 101esima Generalversammlung des Kaiserschützenbundes TIROL 1921 mit Neuwahlen.
YouTube   -   video
foto / Bilder foto / Bilder
2022_04_01 Calliano. Santa Messa in ricordo del centenario della morte del Beato Carlo, ultimo imperatore dell'impero d'Austria Ungheria. Donato alla chiesa di Calliano, dai Kaiserschuetzen Erste Batailon Trient, un quadro raffigurante il Beato Carlo.
YouTube   -   Kaiser Hymne
foto / Bilder foto / Bilder
2022_03_27 SK Konigsberg. Faedo, commemorazione di Andreas Hofer e della battaglia sul monte Corona. foto / Bilder foto / Bilder
2022_03_26 V_T_M. VTM-Vorstandssitzung in Wals (Salzburg) foto / Bilder foto / Bilder
2022_03_20 SK Bozen. Jahreshauptversammling mit Hl. Messfeier in Kolpinghaus Bozen.
Dolomiten
foto / Bilder foto / Bilder
2022_03_13 SK Lajen. 30. Bezirkstag und Generalversammlung des Schuetzenbezirkes Brixen. foto / Bilder foto / Bilder
2022_03_06 Rovereto, campana della pace. I 7 cori del comune di Rovereto in concerto nella conca della campana della pace per la pace nel mondo. "Vogliamo la pace, cantiamo la pace"
Inno alla gioia
foto / Bilder foto / Bilder
2022_02_03 Modena. La delegazione Francesco V di Croce Reale e l'associazione Terra ed identità si sono unite per la recita del Rosario per la pace del mondo nella chiesa di San Vincenzo a Modena. La chiesa di San Vincenzo della chiesa cattolica è in stile barocco ed è situata in Corso Canalgrande 75 a Modena. Nel 1836, il Duca Francesco IV volle trasformare la chiesa in Pantheon Atestinum, cioè nel luogo dove raccogliere le spoglie dei Principi modenesi, precedentemente destinate a Sant’Agostino (sul cui portale è infatti presente la medesima intitolazione). Dopo l'allontanamento dei Teatini, per soppressione ducale nel 1782, la Chiesa divenne luogo della memoria funeraria Estense. Nel 1838 l'architetto Francesco Vandelli, per volontà del duca Francesco IV d'Asburgo-Este, progettò la Cappella degli Estensi e degli Austro-Estensi, ideata in analogia con la viennese Cripta dei Cappuccini, per accogliervi le spoglie dei duchi e delle duchesse sparse in varie Chiese di Modena. La memoria funeraria del Casato è completata dallo straordinario monumento a Maria Beatrice Vittoria di Savoia, consorte del duca Francesco IV, realizzato nel 1850 da Luigi Mainoni su disegno di Adeodato Malatesta. Domina il primo altare da sinistra la grande tela raffigurante la Madonna in trono con San Giovanni Evangelista e San Gregorio Taumaturgo del Guercino. Il quadro è stato trafugato nell’agosto del 2014 e poi ritrovato nel 2017 dai carabinieri in Marocco. Dopo un lungo restauro resosi necessario a causa dei gravi danneggiamenti subiti, nel 2019 la tela è stata temporaneamente esposta nella Galleria Estense e poi riportata nella sua sede originaria, dove è tuttora visibile. foto / Bilder foto / Bilder
2022_02_27 SK Trient. La Schuetzenkompanie Kaiser Maximilian der Erste, Trient ha organizzato in collaborazione con la Federazione WTSB un piccolo momento di ricordo in onore di Andreas Hofer. Santa Messa nella chiesa di Sant'Apollinare (una delle chiese più antiche di Trento) e deposizione di una corona nel giardino intitolato ad Andreas Hofer. foto / Bilder foto / Bilder
2022_02_20 Meran. In ricordo di Andreas Hofer a Merano. Consegna delle onorificenze da parte SSB. Deposizione corona al monumento di Andreas Hofer. foto / Bilder foto / Bilder
2022_02_20 Innsbruck. Cerimonia al Bergisel in ricordo di Andreas Hofer alla presenza del Presidente del Land Tirol Günther Platter. Deposizione di una corona ai piedi del monumento dedicato ad Andreas Hofer. A seguire Santa Messa alla Hofkirche concelebrata dall'abate della Stift Wilten Raimund Schreier OPraem e dal vescovo di Innsbruck monsignor Hermann Glettler. Successiva deposizione di una corona ai piedi della statua di Andreas Hofer, dove riposano le sue spoglie, presente nella chiesa. foto / Bilder foto / Bilder
2022_02_19 Mantova. In ricordo della fucilazione di Andreas Hofer avvenuta a Mantova il 20.02.1810. Santa messa e deposizione di una corona al parco di Andreas Hofer. Spostamento successivo a palazzo d'Arco con deposizione di una corona nello stesso palazzo. foto / Bilder foto / Bilder
2022_02_18 Mantova. Conferenza stampa di presentazione progetto "1809 i luoghi della memoria, Andreas Hofer era qui". Svelamento targa del progetto dedicata ala luogo di Mantova. Erano presenti Il presidente P.A.T e presidente Euregio Maurizio Fugatti, Presidente della Provincia di Mantova Carlo Bottani, Presidente del Consiglio Provinciale di TN Walter Kaswalder, sindaco di Mantova Mattia Palazzi, Assessore Giunta Regionale Lorenzo Ossanna, Presidente parco del Mincio Maurizio Pellizzer, direttore musei Innsbruck Peter Assmann, Paolo Predella Presidente associazione Porta Giulia. Per le Federazioni Schuetzen: Mjr. Enzo Cestari Landeskommandant Welschtiroler Schuetzenbund, Mjr. Thomas Sauer Landeskommandant Bund der Tiroler Schuetzenkomapanien, Mjr. Franzjosef Roner Bundeskassier Suedtiroler Schuetzenbund.
Cronaca di Mantova   -   Andreas - Hofer - Gedenktafel enthllt   -   Mantova celebra Andreas Hofer una targa scoperta da Maurizio Fugatti   -   In memoria di Andreas Hofer
foto / Bilder foto / Bilder
2022_02_13 SK Trient. Nella chiesa di San Pietro a Trento La SK Trient ha ricordato i propri camerati defunti. In particolar modo Claudio Abbrignani nell'anniversario della sua morte. Insieme alla SK Kalisberg è stato donato alla figlia di Claudio uno Scheiben con raffigurato il volto del papà. foto / Bilder foto / Bilder
2022_01_23 SK Roveredo. In ricordo di San Sebastiano, patrono degli Schuetzen, nella chiesa di Serravalle dedicata ai Santi Fabiano e Sebastiano. foto / Bilder foto / Bilder
2022_01_22 San Sebastiano. La SK Sulzberg e la SK Nonsberg assieme nella chiesa di Ossana per ricordare San Sebastiano patrono degli Schuetzen. Alla fine della St. Messa eseguita una salva ad onore di San Sebastiano. La cerimonia si è conclusa con il suono del Landes Hymne. foto / Bilder foto / Bilder
2022_01_20 SK Primor. San Sebastiano patrono degli Schützen e del paese di Tonadico. Santa Messa nella chiesa dedicata a San Sebastiano. foto / Bilder foto / Bilder
16/01/2022 - SK Arco - in ricordo del 128° anniversario della nascita avvenuta a Napoli, di S.M: Francesco II di Borbone. Francesco II di Borbone, battezzato Francesco d'Assisi Maria Leopoldo (Napoli, 16 gennaio 1836 – Arco, 27 dicembre 1894), è stato re del Regno delle Due Sicilie dal 22 maggio 1859 al 13 febbraio 1861. Figlio di Ferdinando II di Borbone e della prima moglie Maria Cristina di Savoia (figlia di re Vittorio Emanuele I), che morì appena cinque giorni dopo il parto, fu il quinto ed ultimo re Borbone sul trono di Napoli e, in assoluto, l'ultimo re del Regno delle Due Sicilie. Di carattere timido e bonario, fu educato dai padri scolopi secondo rigidi precetti morali e religiosi, e in particolare da Monsignore Nicola Borelli, il cappellano di corte. Sposò nel 1859 la duchessa Maria Sofia in Baviera - sorella dell'imperatrice Elisabetta d'Austria e cugina del re Ludovico II di Baviera -, che era più giovane di lui di cinque anni e aveva un temperamento del tutto opposto al suo. Francesco ebbe una sola figlia, la piccola Maria Cristina Pia di Borbone-Due Sicilie, morta a soli tre mesi d'età. Dopo la capitolazione di Gaeta (13 febbraio 1861) Francesco II, con la moglie, si recò in esilio a Roma, via mare su di un piroscafo francese. Francesco II morì nel 1894 in Trentino (allora austriaco), durante uno dei suoi viaggi compiuti per sottoporsi a cure termali; venne sepolto nella chiesa di Arco. Le spoglie di Francesco II, di Maria Sofia e della loro figlia Maria Cristina, ultima famiglia reale napoletana, riunite dopo varie vicissitudini, riposano oggi nella Basilica di Santa Chiara, a Napoli, dal 18 maggio 1984, dove sono state portate in forma solenne.
Rai3 dal minuto 13,10
foto / Bilder foto / Bilder
2022_01_09 St. Andrä. 60esimo Todestag Anton Gostner foto / Bilder foto / Bilder
2022_01_06 Ossana. OSSANA, IL BORGO DEI 1000 PRESEPI. foto / Bilder foto / Bilder
2022_01_02 Coro la Valle. Seguendo la stella, concerto itinerante nel paese di Molina di Fiemme. Presentazione dell'antica tradizione dei canti natalizi itineranti.
YouYube  -   parte prima   -   seconda parte   -   terza parte   -   quarta parte   -   quinta parte   -    Rai1
foto / Bilder foto / Bilder